COSTA ATLANTICA - AMPLIAMENTO CHIUSE CANALE DI PANAMA

COSTA ATLANTICA - AMPLIAMENTO CHIUSE CANALE DI PANAMA

Il 15 dicembre 2009 il consorzio “Grupo Unido por el Canal”, ha appaltato i lavori per l'ampliamento delle chiuse del Canale di Panama, alla società veronese ICM Leggi tutto >>

COSTA PACIFICA - AMPLIAMENTO CHIUSE CANALE DI PANAMA

COSTA PACIFICA - AMPLIAMENTO CHIUSE CANALE DI PANAMA

Il 15 dicembre 2009 il consorzio “Grupo Unido por el Canal”, ha appaltato i lavori per l'ampliamento delle chiuse del Canale di Panama, alla società veronese ICM Leggi tutto >>

Mulino ad asse verticale T-MAV_21

Mulino ad asse verticale T-MAV_21

Il Mulino ad asse verticale ICM T-MAV-21 è proverbiale nell’industria mondiale della preparazione degli inerti per le sue prestazioni ed efficienza. Leggi tutto >>

 

Chi Siamo

ICM è un’azienda che opera nell’ambito della produzione di inerti e che si propone al mercato con soluzioni vincenti per qualità, innovazione e ritorno economico.

 

Fondata nel 1998 da Claudio Dusi e Icilio Guicciardi, con l’obiettivo di fornire impianti per aggregati di qualità per calcestruzzi e conglomerati bituminosi, nel corso del tempo ha ampliato il proprio raggio d’attività e si è ritagliata uno spazio sempre più considerevole nel settore: sia come distributore esclusivo per l’Italia del colosso americano della frantumazione e vagliatura Cedarapids, sia come costruttore di macchine in proprio e come fornitore di impianti chiavi in mano.

 

Quattro sono i segmenti di business in cui attualmente opera ICM:

  1. dimensionamento degli impianti per inerti e progettazione in 3D
  2. fornitura frantoi e vagli Cedarapids
  3. fornitura e/o consulenza per realizzazione carpenterie
  4. realizzazione di una nuova serie di nastri trasportatori di gamma alta, a marchio Klibelt (una società appartenente alla stessa ICM) e di un mulino ad asse verticale con prestazioni superiori a qualsiasi altro modello presente sul mercato, a marchio ICM.

Ma qual è stata la chiave del successo di ICM?

Senza dubbio la capacità di trovare sempre soluzioni vincenti, ascoltando le necessità dell’utenza e fornendo macchine ad hoc e impianti su misura, in grado di migliorare la qualità degli inerti lavorati e di razionalizzare e aumentare la produttività. Risolvere i problemi, anche quelli che le imprese stesse talvolta non si rendono conto di avere, e farli diventare non solo risorse, ma nuove fonti di reddito: ecco il punto di forza della società veronese.

 

A ciò va poi aggiunta la capacità di sviluppare fruttuose sinergie con i fornitori di materiali elettrici, di carpenteria e di altri componenti minori: sinergie che permettono ad ICM di essere competitiva sia sul mercato nazionale che internazionale e di produrre impianti apparentemente al di fuori dalla propria portata per impegno finanziario.

 

Numerosi i lavori ‘d’eccellenza’ a cui ICM ha preso parte in questi oltre 10 anni di attività: fra di essi la realizzazione dell’impianto di produzione inerti ai cantieri della società Autostrade per la costruzione del passante di valico fra Bologna e Firenze, quello della società Union Beton di Castion di Strada e quello della Wipptaler Bau di Vipiteno. Per non citare la realizzazione di un impianto in Algeria e le trattative in atto in atto in Romania, Libia e Marocco.

 

Ultima, ma solo in ordine di tempo (2009): la realizzazione dell’impianto, fra i più prestigiosi al mondo, per la fornitura di inerti ai cantieri per la costruzione delle chiuse del raddoppio del Canale di Panama. Un’opera assegnata a ICM grazie ad un progetto tecnicamente valido, caratterizzato da tempi e costi considerevolmente contenuti.

 

Quale sarà la prossima sfida? Ancora non si sa, però di certo la società veronese non lascia nulla al caso e si proietta nel futuro forte di una continua attività di ricerca e sviluppo tecnologico.