COSTA ATLANTICA - AMPLIAMENTO CHIUSE CANALE DI PANAMA

COSTA ATLANTICA - AMPLIAMENTO CHIUSE CANALE DI PANAMA

Il 15 dicembre 2009 il consorzio “Grupo Unido por el Canal”, ha appaltato i lavori per l'ampliamento delle chiuse del Canale di Panama, alla società veronese ICM Leggi tutto >>

COSTA PACIFICA - AMPLIAMENTO CHIUSE CANALE DI PANAMA

COSTA PACIFICA - AMPLIAMENTO CHIUSE CANALE DI PANAMA

Il 15 dicembre 2009 il consorzio “Grupo Unido por el Canal”, ha appaltato i lavori per l'ampliamento delle chiuse del Canale di Panama, alla società veronese ICM Leggi tutto >>

Mulino ad asse verticale T-MAV_21

Mulino ad asse verticale T-MAV_21

Il Mulino ad asse verticale ICM T-MAV-21 è proverbiale nell’industria mondiale della preparazione degli inerti per le sue prestazioni ed efficienza. Leggi tutto >>

 

Per quale motivo scegliere T-MAV-21?

PERCHE’ SCEGLIERE UN T-MAV-21?
LE RISPOSTE A QUESTA DOMANDA SONO DAVVERO TANTE…

Perché il T-MAV-21 trasforma i problemi in risorse: chiudendo a 2 mm, questo mulino trasforma le classi di inerti in esubero in sabbia 0-2 mm, ivi compreso il famigerato 4-8 mm, incubo di tutti i gestori di cave, che riescono a frantumarlo solo ricorrendo al mulino a barre, con costi di energia e di usura esagerati a fronte di produzioni ridicole. Perché produce la graniglia con la forma migliore possibile: la rottura dell’inerte avviene lungo i piani di frattura naturali e la violenza dell’urto elimina le parti fragili, allungate e spigolose.

La cubicità e l’indice di appiattimento del prodotto del mulino ad asse verticale sono irraggiungibili da altri mulini: produce inerti con il 95% di superficie frantumata e bonifica sia il materiale non completamente frantumato negli stadi precedenti sia quello fragile per natura, migliorandone notevolmente la “Los Angeles”. Perché questo mulino può variare la sua capacità produttiva da 50 ton/h a 300 ton/h semplicemente aumentando la motorizzazione, ragion per cui in un secondo tempo si potrà raddoppiare la portata semplicemente raddoppiando la potenza installata.

Il mulino lavora sia a secco sia con materiale bagnato senza impaccarsi ed intasarsi, al massimo sarà necessario aggiungere un po’ d’acqua nell’alimentazione per far scorrere meglio il materiale. Perché consente un grande risparmio energetico. Per le sue caratteristiche può avere delle portate molto più elevate dei mulini tradizionali: un solo T-MAV 21 tratta la stessa portata di tre mulini a martelli dello stesso peso. È noto che una parte della potenza, resa disponibile dal motore, è assorbita dal mulino per il suo funzionamento a vuoto e la restante si trasforma in energia per la frantumazione.

 

Dato che ogni mulino a vuoto consuma all’incirca 50 kW, è evidente che, a pari potenza installata, utilizzando  un mulino solo, anziché tre, l’impianto ha a disposizione quasi 100 kW in più da usare per la frantumazione anziché usarli per azionare mulini supplementari a vuoto. Perché riduce notevolmente i costi di impianto. Questo mulino ha infatti la capacità di prendere la pezzatura da frantumazione secondaria e trasformarla in sabbia con portate molto elevate. Questo significa che con tre soli stadi di frantumazione l’impianto chiude a sabbia, riducendo il numero degli stadi di frantumazione; inoltre, con portate elevate il numero di mulini terziari è molto basso anche per impianti di produzione elevata. Diminuire il numero di stadi di frantumazione e il numero delle macchine significa ridurre il numero di nastri trasportatori, il numero di strutture di sostegno, semplificare l’impianto elettrico e così via.

 

schema_1 tabella_1

LA FRANTUMAZIONE TRADIZIONALE

Questo primo grafico evidenzia la curva granulometrica di inerti lavorati con un mulino a martelli. Come si può notare, mentre le pezzature fini sono in linea con la curva ideale (minima/massima), le pezzature grosse se ne distaccano in modo abbastanza evidente.
schema_2 tabella_2

LA FRANTUMAZIONE CON IL T-MAV-21

Questo secondo grafico mostra la curva granulometrica di inerti lavorati con un T-MAV-21. Si vede in maniera molto chiara come la curva del materiale segua perfettamente la curva ideale (minima /massima), sia per le pezzature fini che per quelle grosse. È quindi lampante quanto questo mulino incida sulla qualità del materiale.